Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘visioni’ Category

Così decido di fare questo gioco. Di ombre e di punti sospesi, di sguardi e di archi tesi, con sagitte che puntano ovunque. Pararsi è impossibile, le conseguenze mortali e le difese inutili.
Vale la pena giocare.
La vita è gioco.
La vita è sguardi.
La vita è parole che non dici.

“Ho paura”.
“Strappami la maschera, strappami la corazza di dosso”.

La pelle ci viene data da qualcuno, la dividiamo con qualcuno, che riconosciamo quando ce lo ritroviamo davanti. La pelle richiama sempre la pelle.

Questo siamo. Pelle. E parole non dette.

Prendere e partire. Tutto troppo grande, tutto troppo dentro, troppo in profondità, a scardinare fondamenta, anima, denti. Tremando in stanze buie, con le chiavi in mano e le gambe tese.

Gli dei irridono, si irritano e ti fanno fare tardi a lavoro, ti fanno cadere il cielo e la terra diventa acqua, ti lanciano spilli in faccia e ti ci sputano pure.

E tutto quello che vuoi è baciare, mangiare, disperatamente quella persona, la ricerchi nelle ombre della notte, pur per quel momento di debolezza in cui di spalle, alle spalle, sei stato colpito.

Giganti che si scrutano, si annusano, si osservano, si odiano, si fanno la guerra, e vogliono disperatamente la pace.

La testa mai china, e pur il cuore in mostra che quasi chiede di essere colpito foss’anche da un graffio…

Lascia il mondo dietro. Siamo vivi? Possono sentirci? No. La risposta è no.

La mia voce è per te. I miei occhi sono per te. Senti la mia energia, senti quello che so. Quello che sai. Lascia il mondo dietro.

Prendimi…. cado verso te. scendo nel paradiso e bum…. il sangue si fermerà, la luce si fermerà, l’aria starà immobile, nessuno fiaterà.

Poi.. Mille gabbiani si alzeranno da scogliere che non vedremo mai insieme, e le onde spazzeranno e spezzeranno pensieri inutili, tutto il mondo si concentrerà in un secondo sarà denso potente nessuno spazio sarà vuoto e tutto sarà sospeso le cose per un attimo sembreranno andare come devono una giustizia una rivincita una voglia le lingue che si incontrano le mani sulle facce gli occhi che così incredibilmente lenti si apriranno su di noi, e niente altro che noi avremo nei nostri occhi si guardano si ritrovano e respirerai me sarò in ogni tua singola cellula un eroe senza gloria un bastardo senza gloria che entrerà in te, perchè tu…ed io.. abbiamo la stessa pelle… E la tua voce sarà celestiale alle mie orecchie. Urlerai senza che nessuno possa sentire. All’infuori di me.

All’infuori di te.

All’infuori di noi.. Nulla conta, nulla è importante. Io tendo a te. Tu tendi a me.

Io tremo come tremi tu. Io penso quello che pensi tu. Io sono te. Tu sei me.

Mille soli fondono, tutto è un vortice, la mia lingua è nella tua bocca, il tuo respiro tra le mie mani e mi perdo senza nessuna fottutissima voglia di non farlo.

Tutto questo è un secondo. che mi sembra una vita, come una santa da venerare, come un motivo per aspettare, come l’orgoglio da gettare, come questa cosa che devo fare, perché lo voglio, perché devo, perché ora sono pura potenza. Come te.

Siamo fatti per essere attratti l’uno dall’altra. Per un solo secondo. Che nessuno potrà mai vivere.

Un solo secondo…

Annunci

Read Full Post »

Il sole scende dietro palazzoni grigi in lontananza, con la strada polverosa che scorre sotto e lamine di un cantiere mai finito infuocate dall’oro ed il rosso di un’aria rinfrescata dal grecale.

Giulia in giardino si sfiora le gambe.
Abbronzate e piene della sua età.
Oggi Giulia non vola, non andrà né a Milano né a Delhi.
Rimane in giardino, tra ortensie, prati e cespugli inclinati dai venti di mare,
tra alberi spelacchiati, pigne in bilico sui rami e zanzare voraci.

Con tocchi delicati sfiora la sua pelle,
e guarda oltre il giardino,
oltre le lamiere,
oltre i palazzoni,
sotto un angolo dei tetti, in un corridoio di aria inondato da un sole furioso.

I capelli sulle spalle la solleticano
e sembra quasi sorridere.

Spensierata Giulia,
si sfiora le gambe.
Abbronzate e piene della sua età.

Sullo scalino che porta in cucina
da piccola ci ha sognato un mondo intero,
fatto di pirati ed eroi dalle armature scintillanti,
con donne piene di coralli e fiori bianchi
e bimbi leggeri correre su acque bianche di spuma e conchiglie.

Dietro le persiane verdi
si nasconde da avide voglie
e nuda si veste d’aria e speranza,
sposa acqua e legno
si immerge in pensieri limpidi
e pianificando allontana le labbra
aprendosi in sorrisi radiosi
che vedo nell’ombra.

E’ una sfida,
che vincerà
che non perderà
che suderà
e lo farà con tutta la grazia della farfalla
e la pazienza del bruco.

Scende la sera
come un avvoltoio
plana sui mattoni caldi e picchia in terra sul selciato.

Liscia come una perla di Tahiti
ripensa alle collane di fiori
agli sguardi dei mendicanti di Delhi
e dei giovani avvocati di Milano
e poi fissa me
attraverso le fessure verdi
come una tigre tra le foglie

Sorride Giulia,
oggi prenderà nessun aereo
e felice coi piedi fortemente fissati sulle nuvole
volerà come non mai.

Brava Giulia…
brava…

Read Full Post »

I piedi degli uomini spezzano erbe secche ed alzano polvere gialla.
Corrono contro la mia stanza bianca,
e sento il cuore battere come un carcerato contro la sua gabbia d’ossa.
Sotto chiave,
sotto osservazione,
sotto sopra.
Io perdo.

Sento il cuore.
Due tonfi.
Gli uomini sempre più vicini,
con le facce distorte,
con le lance in mano,
con gli scudi di cuoio cotto dal sole,
e le facce dipinte di bianco.

Urla.
Tribali.
Dal cuore più nero del posto più nero.
In una notte senza luna
fatta apposta per gli sciacalli
e le iene .

Sotto sforzo,
sotto controllo,
sotto vuoto.
Io perdo.

Le tue parole sono uomini,
che combattono nel mio regno
di grano duro ed argilla bruna
che fan man bassa di quel poco che c’è
e tutto menano in aria.

Sento le urla concitate
di quegli uomini che mi hai lanciato contro
contro cui ora combatto e mi batto
respingendo i fendenti
protetto da guerriere ombra
che dalla terra arida mi soccorrono.

E’ un bagno di sangue
di sudore
di liquori odorosi
di dolori sconosciuti che
laceranti
si infilano
sotto pelle
sotto mani
sotto l’ombelico.
Io perdo.

Cado in terra,
con la tempia appoggiata,
con lo sguardo fisso,
come un fesso
vedo fessi che si menano per me.
I tuoi uomini, le tue parole,
le mie guerriere, le mie paure,
che lottano
senza quartieri
senza rispetti,
senza motivi
a noi noti
se non per il sol fatto di esserne portatori.
Ignoti.

Lanciami l’attacco finale
porterò le braccia in alto
e in spirale di seta rosa
ci faremo risucchiare
da prati fatti di solo grano e rose.

E libererò il cuore dalla sua prigione di ossa.
E tu
stanca e sfinita
godrai soddisfatta
di quel tutto che c’è.
Troppo, forse,
anche per te..

Read Full Post »

Cicale.
Un mare di cicale.
Un tappeto di margherite.
Il basilico secco.

I pensieri di qualcuno
che si allacciano ai miei,
sentire spingersi verso il basso,
un’attrazione letale, fatale, immorale,
verso il basso,
verso il fondo.

Una scandalosa resa.

Guardo in fondo al cielo,
verso il mare.
Nulla si muove.
Il maestrale è promessa di domani,
che battaglie muove dove le nuvole nascono,
dove la sera capita che ti possano mancare un po’ troppe cose,
tutte insieme

Sento le sue braccia che ci circondano,
incontrando me, nient’altro che me.
Scintille bianche,
l’amore è un’altra cosa.

Tutta la tenerezza di una fusione
con la carica erotica
rossa e piena
fitte allo stomaco
e gola vuota
da riempire con aria tua.

Una colpa non c’è.
E’ una lotta.
Di pugni.
Di baci.

Di accenni.
Di sospiri.
Di forti spinte che si fermano su cigli di burroni rosa
umidi e così invitanti.

Ficchi le dita nei miei muscoli
dita bianche e rugginoso fastidio..

Infrangi il tuo petto contro il mio,
tumulto di velluti
e mi dici di lasciarmi andare

…di lasciarmi perdere
…di diventare nuvola
…di piovere sulla tua terra.

Che il maestrale è promessa di domani
e battaglie muove già, dove le nuvole nascono,
dove la sera capita che ti possano mancare un po’ troppo cose,
tutte insieme.

Read Full Post »

Eléna

Premeva contro la parete fatta di pietre irregolari, aguzze, lisce.
“Sbrigati” – sembrò dire, con un filo di voce così fragile, così vibrante.
Thiago era imbambolato.
Non se lo aspettava.
Quell’essere buffo, che lo faceva morire dal ridere, era diventato una pantera dagli artigli molto pericolosi.
Ed era lì. Che lo braccava.

Una lotta di braccia e mani, di camicie sfilate dai jeans e da mani che come valanghe ricadevano sulla pelle.
Con vigore più forte, con voglia implacabile.

“Sbrigati” .
Thiago era stordito.
Non vedeva più nulla, l’orizzonte era una linea dimenticata da qualche parte, ed Elena era ad un soffio dalle sue labbra.
Bramavano, l’uno dell’altra.
Toccandosi in punta di lingua e di dita. Pizzicando corde bianche.
Un graffio su una A ed una I intrecciate dietro il collo di lei.
Che persa, affoga in un mare cobalto
tra spuma bianca e gabbiani in festa.

Il mondo intorno, un mondo blue ed elettrico,
fatto di alcool e notte densa
scivola giù, come una tenda,
come un vestito.
Stramazza di netto come un albero, in un sol colpo.

Si tengono a vista, combattono e si scontrano,
Elena e Thiago.

Trovano un divano.
Un regno di voglie intrecciate a desideri insani,
di cosce pronte a sforzi inumani
di schiene arcate,
di sguardi neri,
di denti che non sorridono
e fiati che si annidano nei pensieri delle notti che verranno,
pensando a cose così basse eppur capaci di far andare così in alto.

Lo tiene stretto Thiago,
che non vuole sentirsi sola,
almeno quella notte,
almeno quell’ora.

Lo vuole sentire Thiago,
perché la scusa che si muore
regga abbastanza per nascondere
la paura.

“Nati per morire.
Con la vita che è un brivido,
che vola via…..”

“Cosa?” – chiede Thiago.

Si meraviglia di quel che ha detto,
si sposta una ciocca ebano dagli occhi neri,
spalancati e sorpresi come da un colpo al fianco.

Apre la bocca,
e lo bacia come se fosse acqua nel deserto,
socchiude gli occhi,
appoggia la testa sul petto,
il suo cuore batte e gli dice che la vita c’è
e quella notte sola non sarà.

“Niente..non volevo dirti niente, sciocco”.

“Stammi vicino e tienimi stretta..”.
Avrebbe voluto gridarglielo.
Senza saperne il perché.
E senza saperne il perché,
non glielo disse.

Read Full Post »

Passeggia Franca.
Tutta sola sul corso del paese.
Con la chioma corvina ed i riflessi blue dei lampioni.
Sola Franca.
Ha 43 anni e cammina in mezzo alla vita.
Modula i passi, uno dietro l’altro.
Non sente più gli occhi addosso, le voci di giovani madri
che contente l’additano.
Non sente più i coltelli degli occhi degli uomini,
che bramosi l’aspettano all’angolo e sputano porcherie
da bocche squamose e putride.

Cammina Franca,
tra le serrande abbassate,
su tacchi di legno e la borsa stretta sulla cinta,
lo sguardo corrucciato
e la pelle che si stanca giorno dopo giorno.

Mi saluta con la voce rauca,
e lo sguardo che mantiene una scintilla di un fuoco
evidentemente non estinto.

Piccola Franca,
nel suo essere così donna,
così fragile,
così lontana,
così vogliosa di essere abbracciata
da qualcuno che non voglia solo il suo corpo.
Ma anche il suo tempo.

Accende ancora una Philip Morris.
La vedo allontanarsi nostalgica come i treni
dei film in bianco e nero.
Nessuno però è alla stazione a rincorrerla fino a che
la banchina lo permette.

Piccola Franca,
che all’angolo già l’aspettano gli uomini-pesce

Read Full Post »

Il sole entrava nell’orizzonte confondendosi coll’umidità e gli uccelli.
Gli piaceva pensare che fossero gabbiani, urlanti sul mare.
Rosso acceso.
Il cielo era di pesca.

Errachidia, Marocco.
Era lì.
Un tè alle porte del deserto.
Sedie in ferro battuto, tavolino spartano. Una sigaretta bruciava su di un posacenere consunto ed ammaccato.
Il tavolino grigliato, piccoli quadratini. Fittissimi.
Scorse il suo piede su un misto di terriccio rosso ed asfalto.  Tutto era polvere. Tutto era caldo.
Scrutava la mappa che lo avrebbe portato dal vecchio Thalid, un vecchio eremo che si dice essere “in pace col mondo”.
Ne sentì parlare a Vienna, durante un convegno di archeologia egiziana.
Volò in Marocco. Non ci era mai stato.
E fu amore.
Erano passati già 3 giorni, ed il fresco di Rabat aveva lasciato posto a quelle terribili escursioni tipiche del deserto.
Un caldo insopportabile.
Da sconfiggere col caldo.
Quel tè era una manna dal cielo.
La sua guida, Safir, era loquace, parlava un ottimo francese e cercava di essere elegante nei modi e nella forma. Era contento.. poter parlare con qualcuno che veniva “dall’Europa” era una novità entusiasmante.
All’improvviso, G. si alzò. Prese il suo pacchetto di Camel Light e l’accendino blu dalla tasca.
Ficcò una sigaretta in bocca e lasciò i suoi occhiali da vista sul tavolo.
Non appena si girò, la vide.
Capelli neri. Lunghi. Bocca carnosa e pelle bianca. Lunghe ciglia appesantite da un leggero tocco di mascara e mani sottili come le ombre del tramonto.
Rimasero immobili entrambi.
Percepì il suo sguardo.
Uno sguardo che parlava, che scavava, che elevava.
“Salve!”.
“Piacere.”
Si dissero i nomi, ma G. lo dimenticò immediatamente.
Era una prassi consolidata: presentarsi a qualcuno, e non immagazzinare alcun ricordo riguardo a nomi, cognomi, date di nascita.
Quella volta, però, non fu solo la prassi a giocare lo scherzo. Fu la sorpresa.
Una donna italiana, presumibilmente tra 30 ed i 35 anni, elegantissima, fasciata da un vestito nero su sandali aperti, non è proprio quello che qualcuno può aspettarsi a Errachidia.
Goffamente si allontanò, con il fumo che lambiva la spalla destra, come quelle immagini di vecchi treni a vapore in corsa.
Sbuffacchiava nervosamente G.
Cosa ci faceva lì quella donna?
Chi era?
Perché era lì.
Si placò e si diede dello stolto. D’altronde, pensò, anche lei avrebbe potuto domandarsi le stesse cose.
La curiosità lo fece tornare indietro. Ogni passo era scandito dalla stupidità di essersi allontanato all’improvviso senza magari intrattenere una piacevole conversazione con una donna, che a primissimo impatto, pareva essere interessantissima.
Tornò indietro su Rue El Houria verso il Cafè Jeauloull.
Ci passò davanti non badando nemmeno a Safir.
Niente.
Non scorse nulla che assomigliasse a quella visione improvvisa.
Che fosse stata un’allucinazione?
Chiuse gli occhi.
La sigaretta accesa nella mano destra. Il fumo che saliva verso l’alto lambendo il braccio come il serpente del bastone di Eusculapio.
Riempì i polmoni di quell’aria che annuncia le sere nel deserto.
Le palme ondeggiavano contente dell’ombra che le stava coprendo ancora una volta, una volta di più..
Sperava di recuperare qualche particella del suo profumo.
Profumo di donna…..
Si girò e…..rimase goffamente colle spalle dritte ed i polmoni compressi dall’aria intrappolata dal lungo respiro.
Sgranò gli occhi.
Quella donna…. era lì.. seduta al tavolo con Safir, che invano lo aveva chiamato poco prima.
Imbarazzo e stupore si intrecciarono sulle linee del suo viso.
La donna se ne accorse. E sorrise di gusto.
Un sorriso tanto bello, quanto pericoloso….

(…continua)

Read Full Post »

Older Posts »