Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘CointreauKulture’

Disperso in questo oceano informe,
facendo il mio meglio per restare a galla
fin quando arriverò a te…

E tu canterai: “Vieni a me, fatti avvolgere”
Sarò lì, aspettandoti.
Mi sognerai mai? Dove sarai?

Sono stanco…
il mio cuore è rotto, rotto dalle tue rocce..

Canterai: “Non toccarmi..ti prego non toccarmi..non ancora…aspetto domani”
Oh cuore mio che ora si vergogna….
Perplesso, riprendo a navigare…
Ma dove andare???
Dovrò tenere testa a tutto questo?
O mentirò a tutto e tutti?

“Nuota….vieni da me…..fatti avvolgere…ti sto aspettando..”

Annunci

Read Full Post »

Noi che cerchiamo di essere come le storie che leggiamo, ma mai scriviamo,
che impariamo a vivere e prendiamo botte aspettando il turno per darle..
se mai arriverà il turno nostro

Noi che scriviamo i nostri nomi sui marciapiedi
e la prima pioggia che arriva li cancella
ed allora li scriviamo sul cemento fresco, di nuovo
così forse la gente capirà chi siamo e cosa significhiamo

E navighiamo… verso l’alba che ci stiamo meritando

Read Full Post »

Ho trovato un post…di quel pazzo del mio Alter Ego che celandosi va…..
Non poco mi ha colpito leggerlo, nonostante sian passati 7 mesi….

La sua mano.
Un caldo innaturale.
Come primordiali ricordi, di vite e vite passate.
Come se quelle mani avessero volteggiato sul mio viso per anni ed anni come gabbiani intorno al porto.
Ritrovare quella sensazione di conoscenza, di sicurezza e protezione.
Come nascere, morire e rinascere.
Una carezza.
Uno sguardo preoccupato. E parole nette. Scandite. Con gli occhi a riempire i silenzi.
Vai a dormire ora…pensaci su…”


svegliarsi la mattina….
il caffè…
il sole in camera…
mia madre…
la donna più bella del mondo..
lei si siede sul letto mentre allaccio le scarpe..

ci hai pensato?”
Annuisco con la testa..
Lei in silenzio…. e come se fosse un vulcano..
Esplode…
con tutta la dolcezza che mai penserà di aver avuto mi dice….
non è che non hai le palle? Non pensare ad altro..è per te
tutto il silenzio intorno oscura la luce
una carezza mia a lei..
senza dire niente una carezza..
e col pensiero le dico “vedrai….
e lei col pensiero che mi dice “lo so…”

il cielo ringrazia mai il vento?

a chi mi chiede insistentemente e pesantemente il perchè dello scrivere un blog, dei “pericoli” di gente strana e un pò di fuori di fraintendere le cose, di gente che si fa i cazzi tuoi e si fa una opinione errate..bhè… io non trovo miglior spiegazione nella sensazione che ora provo…

Io mi confronto con me stesso, mi rivedo, mi sorrido, e capisco che la vita è bella. E che va avanti.

SEMPRE

Read Full Post »

prologo

Radio Raptus si presta a Radio Anarchia

« Buonasera. Quì è Radio Anarchia, e io sono Di Crollalanza – Guglielmo. Forse lì c’è qualcuno che già dorme. Beh, comunque che ci siete oppure no io c’ho una cosa da dire. Oggi ho avuto una discussione con il mio alter ego. Lui è uno di quelli bravi: bravi a credere in quello in cui gli dicono di credere. Lui dice che se uno non crede in certe cose non crede in niente. Beh, non è vero: anche io credo. Credo nelle rovesciate di Van Basten e nei riff di Keith Richards; credo al doppio suono di campanello del padrone di casa che vuole l’affitto ogni primo del mese; credo che ognuno di noi si meriterebbe di avere una madre e un padre che siano decenti con lui almeno finché non si sta in piedi; credo che un Milan come quello di Van Basten, Baresi e Gullittnon ci sarà mai più, ma non è detto che non ce ne saranno altre belle in maniera diversa; credo che non sia tutto qua, però, prima di credere in qualcos’altro bisogna fare i conti con quello che c’è qua, e allora mi sa che crederò prima o poi in qualche Dio; credo che semmai avrò una famiglia sarà dura tirare avanti con 800 € al mese, però credo anche che se non leccherò culi come fa il mio capoufficio difficilmente cambieranno le cose; credo che c’ho un buco grosso dentro ma anche che il Rock ‘n’ roll, qualche amichetta, il calcio, qualche soddisfazione sul lavoro e le stronzate con gli amici, beh, ogni tanto questo buco me lo riempiono; credo che la voglia di scappare da un paese con 20.000 abitanti vuol dire che hai voglia di scappare da te stesso, e credo che da te non ci scappi neanche se sei Usain Bolt; credo che non è giusto giudicare la vita degli altri, perché comunque non puoi sapere proprio un cazzo della vita degli altri. Credo che per credere, certi momenti, ti serve molta energia. Ecco, vedete un po’ di ricaricare le vostre scorte con questo. »

Read Full Post »