Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘aria’

(ora)

Un sorriso triste, tragico, dipinto sul suo viso. 
Accenna una mossa con le mani, poi va al pianoforte. 
A Downtown finalmente l’alba ha preso piede. 
Un’intera notte è trascorsa. 
Cisco e Zoe sono al centro del salone principale dell’albergo. 
Tre delle quattro pareti dell’enorme stanza sono composte da finestre enormi, alte almeno 5-6 metri, di legno bianco laccato e vetri un po’ sporchi di condensa verso il soffitto. 
La luce entra come un re in parata, in città vinte,
baldanzosa e fiera, 
diretta e senza filtri, e si riflette sul pavimento a scacchiera, lucida e pulitissima.
Cisco si siede ed inizia a suonare un motivetto stupido, con puntate sul DO e sul FA.
Il cuore mio non ce la fa” 
Sembrava tutto così semplice, per quelli come noi
Senti che ci manca qualcosa, che c’è sempre una scusa, che la gioia si è offesa, che non c’è la scintilla, ma una colpa (sinceramente) non c’è“.

Adesso dirsi tutto è utile
Resta che una parte del cuore sarà sempre sospesa, Zoe
Come fosse in attesa?”
Ecco un raggio di sole entrare dalla finestra.
C’è sempre una scusa, si è spenta una stella ed una colpa non c’è“. Cisco socchiude gli occhi.

Tu ci credi a quello che non vedi..?”
Eppure…” Zoe non riesce a parlare, ha un nodo in fondo, ha capito.

Non sapevano bene cosa stava succedendo. 
Come ci erano finiti. 
Quando ci erano entrati. 

Il sole è su. 
L’aria profuma di buono.

L’amore (ora) è un’altra cosa“. 

Zoe spalanca gli occhi. 
Trema la sua bocca. 
Trema tutto il mondo. 

E domani?

Annunci

Read Full Post »

il titolo nella fine

E sarà buio.
Dappertutto.
Fenderò l’aria come la carne, lacrime ed onde.
Indifferentemente.
Calpesterò mani e fiori,
farò crollare intere nazioni, economie, religioni,
sangue dovrà colare se necessario.
Urlerò tuoni e spazzerò le città
con venti gelidi.
Sarò il terrore di tutti,
unirò le isole,
asciugherò mari e fiumi
e molti periranno.
Pioverà zolfo,
brucerà tutto il verde,
le fragole diventeranno velenose
e le ombre si ribelleranno.
I figli contro i padri,
le mani l’una contro l’altra.
Le schiene spezzate saranno,
le dita rotte,
le facce distorte,
la paura un’amica confortante.
E gli occhi si chiuderanno al mio passaggio,
contro tutto,
contro tutti,
neanche il sole potrà
colpirmi.
E tutti gli dei fingeranno di non conoscere questo pianeta.
La mia spada è di fuoco,
trafigge i cuori dei bastardi,
degli avidi,
di chi non sente,
e farò tappeti di loro.
I popoli, tutti, si agiteranno,
la mia fame non sarà saziata,
finché non avrò quanto desidero.
Nessuna pietà,
nessun risentimento,
nessun compromesso.
Il buio,
i crolli,
il sangue,
le lacrime.
Tutto.
Per.
Amore.

Read Full Post »

Manchi.
Nuoto in un mare buio, bracciata dopo bracciata.
L’acqua è fredda.
La pelle è tesa,
il sangue è denso,
le dita sono punte d’acciaio.
Manchi.
Sulla linea dell’orizzonte, fai un passo e cadi giù.
E se fosse tutto al contrario?
Nuoto in un cielo buio.
Senza nuvole.
Senza stelle.
Senza luna.
Senza te.
Manchi.
La rabbia di non saperti mia, quando sfuggi tra le dita,
nella bocca, tra i capelli.
Apro le braccia,
stendo la spalla,
galleggio in un non-luogo.
Sono da nessuna parte.
Sono dappertutto.
Non vedo quello che ho sotto
e sento brividi, brividi che fanno il giro del mondo,
e mi colpiscono miliardi di volte.
Manchi.
Vengo risucchiato dalla superficie,
liscia, invitante, paurosa, innaturale.
Manchi.
Mi agito, mi dimeno, bollicine bianche intorno,
dal corpo, sulle mani, dal naso, sulla mia pancia.
Qualcosa tira giù,
resisto.
Cerco.
Non molla,
mi dispero.
Lasciami, lasciami lasciami andare…….

……

Nuoto.
Come un delfino ora.
L’adrenalina fa il miracolo.
Ti sento fischiarmi nelle orecchie.
Silenzio-fischio-silenzio-fischio.
Sono di nuovo sulla linea dell’orizzonte.
Un solo passo. Uno solo.
E cado giù.
Nel cielo.
Manchi.
Continuo a nuotare.
Non so dove andare,
ma so che lo devo fare.
Manchi, Aria.
Manchi che mi meraviglio e smetto all’improvviso
di scivolare sull’orizzonte.
A testa in giù tutto mi è chiaro.
Una luce da qualche parte,
vedo il raggio che si perde sotto me.
Manchi, Aria.
Manchi come l’aria.

Per quanto mare e cielo metterai
tra la mia pelle e la tua,
sarà poca cosa di fronte alla potenza
dei miei occhi chiusi.

Manchi Aria.
Come l’aria.
Più dell’aria.

Read Full Post »